Bitcoin e Big Caps recuperano dopo un crollo del mercato di 400 miliardi di dollari

24.2.2021 | 15:05

La crescita ritorna alle criptovalute con diversi progetti tra cui Ethereum e Binance che mostrano una crescita a due cifre. I mercati azionari erano instabili.

  • Bitcoin e altri progetti sono tornati a crescere dopo una perdita di mercato di 400 miliardi di dollari.
  • Il prezzo di Tether è scivolato sulla notizia che era stato multato dalla NYAG.
  • I prezzi delle azioni erano instabili, dato che gli investitori vanno alla ricerca di valore rispetto ai titoli in crescita.

Non c’è bisogno che ti diciamo che ieri è stata una giornata raccapricciante per i commercianti di criptovalute.

Il mercato aveva già perso più di 300 miliardi di dollari

Al mattino, il mercato aveva già perso più di 300 miliardi di dollari di valore, e la caduta è continuata fino a notte fonda. La capitalizzazione globale del mercato è scivolata ai minimi di 1,3 trilioni di dollari nel suo punto più basso, tagliando fuori altri 100 miliardi di dollari. Ma sembra che le cose si stiano riprendendo.

Al momento della scrittura, il market cap è tornato a 1,5 trilioni di dollari e le 20 criptovalute più grandi sono quasi tutte in verde. Bitcoin Revolution ha recuperato quasi il 7% del valore nelle ultime 24 ore, aiutato dall’annuncio che la società di pagamenti Square ha acquistato altri 170 milioni di dollari della valuta.

Bitcoin farebbe bene a corteggiare nuovi investitori. Un rapporto della società di investimenti Wedbush ha suggerito che il destino di Elon Musk, e per associazione Tesla, è ora intrecciato con quello di Bitcoin dopo che il CEO è stato così rialzista su BTC, e la sua azienda ha acquistato 1,5 miliardi di dollari della criptovaluta.

Il prezzo delle azioni di Tesla è sceso di un altro 5% ieri, completando un calo del 20% del suo prezzo delle azioni in meno di una settimana.

Le cose sembrano ancora più brillanti per Ethereum, in crescita del 13,2%, Binance in crescita del 28% e ogni altro progetto tranne gli stablecoin che mostrano guadagni a due cifre nelle ultime 24 ore.

Parlando di stablecoin, il prezzo di Tether è sceso di un considerevole 2,8% ieri dopo che il procuratore generale di New York ha detto al progetto e alla sua società sorella Bitfinex di smettere di commerciare nello stato e lo ha multato per 18 milioni di dollari.

Mentre è stato salutato come un passo positivo per l’industria in generale, evidenzia che i regolatori potrebbero avere ancora qualche altra sorpresa nelle loro maniche.

I titoli tecnologici continuano a soffrire mentre gli operatori vedono la crescita altrove

Il Dow ha chiuso in leggero rialzo dello 0,04%, così come l’S&P 500 con un guadagno dello 0,13%, ma il Nasdaq, pesante nel settore tecnologico, ha continuato a perdere sangue chiudendo in calo dello 0,50%.

All’inizio della giornata di trading la situazione sembrava molto peggiore, con i mercati nelle prime contrattazioni in calo fino al 5% in alcuni casi.

Il miglioramento della performance nel corso della giornata è arrivato grazie ai commenti del presidente della Fed Jay Powell, secondo cui l’aumento dei rendimenti delle obbligazioni era un segno di ottimismo piuttosto che di preoccupazioni per un’economia in surriscaldamento.

Ma potrebbe esserci ancora un po‘ di turbolenza da venire, soprattutto per i titoli tecnologici. Il motivo? Valore contro crescita.

I titoli di crescita sono aziende con un potenziale di sovraperformare il mercato generale a causa del loro potenziale futuro. I titoli value sono aziende che vengono scambiate al di sotto del loro valore reale e potrebbero fornire rendimenti superiori.

Negli ultimi 12 mesi, il denaro si è spostato verso i titoli di crescita, che tendono ad essere società che hanno evitato il crunch COVID, cioè i titoli tecnologici.

Ma questo ha lasciato molte aziende nella sezione valore del mercato azionario – quelle aziende con buoni fondamentali (specialmente nella ripresa futura) ma un prezzo del biglietto che è sottovalutato.

Gli investitori stanno guardando le società small cap che sono state tamponate da COVID ma che, con la ripresa dell’economia quest’anno, potrebbero rappresentare per gli investitori con gli occhi a palla.

Kommentare sind geschlossen